• Breaking News

    29 novembre 2017

    Con una nuova funzionalità, Google può avvisarvi se qualche curioso sta guardando il tuo smartphone alle vostre spalle.

    Con una nuova funzionalità pronta per essere rilasciata, Google può avvisarvi se qualcuno un po curioso sta guardando il vostro smartphone alle vostre spalle.

    Nuova funzionalità Google; può avvisarvi se qualcuno curioso sta guardando il vostro smartphone alle vostre spalle.Se pensate di avere amici/conoscenti che hanno la pessima abitudine di spiare il vostro smartphone o quello degli altri, allora potete tranquillamente dirgli che i loro giorni da ficcanaso stanno per finire. 
    Nel corso di una conferenza sui sistemi neurali che si terrà la prossima settimana a Long Beach, California, Google presenterà un nuovo progetto che utilizzando la fotocamera frontale è in grado di riconoscere se una o più persone sta guardando lo schermo.

    A seguire troverete un video che mostra in modo chiaro il principio di funzionamento di questa nuova funzionalità, che a quanto pare è in grado funzionare in condizioni di illuminazione e posizioni, anche pessime. Bastano infatti appena due millisecondi perché il sofisticato software riconosca uno sguardo indiscreto e mostri una foto del "curioso", andando ad interrompere l'attività che in quel momento era in corso.

    Tutto questo avviene nello smartphone grazie a TensorFlow Lite e grazie a una nuova API pubblicata proprio oggi per rendere ancora più semplice l'utilizzo della libreria. Ovviamente non mancano le implicazioni legate alla privacy e su questo Google dovrà prestare molta attenzione.
    Hee Jung Ryu e Florian Schroff, i due ricercatori Google che presenteranno il progetto, spiegano che la tecnologia potrebbe essere attivata durante la visione di contenuti sensibili in pubblico. 
    I giorni da spioni hanno finalmente le ore contate?!



    DA NON PERDERE

    Fast Pair nuova funzionalità Google che facilita e migliora la connessione Bluetooth tra dispositivi Android compatibili.

    Nessun commento:

    Posta un commento

    Cerca nel blog