• Breaking News

    22 giugno 2017

    PostePay Carta Bloccata!. Attenzione!!! a questo messaggio, è una nuova truffa che arriva via SMS tradizionale.

    PostePay Carta Bloccata, attenzione alla nuova truffa che arriva via SMS.

    PostePay Carta Bloccata!. Attenzione!!! a questo messaggio, è una nuova truffa che arriva via SMS tradizionale.PostePay è uno dei metodi di pagamento elettronici tra i più affidabili e sicuri oltre che essere pratico e tra i più preferiti dagli utenti italiani. Per questo motivo, sempre più malintenzionati cercano nuovi trucchi pur di riuscire a sottrarre denaro ad ignare vittime. 
    L'ultima vera e propria truffa in tal senso è quella che sta circolando in queste ore mediante SMS su migliaia e migliaia di smartphone di Italiani

    Si tratta dell'ennesimo tentativo di raggiro ai danni dei consumatori. Con un semplice e tradizionale SMS, questi delinquenti (chiamiamoli con il loro vero nome), tentano di confondere la vittima cercando di sottrarle dati sensibili e credenziali di accesso. In questo modo, sarà possibile prosciugare completamente tutto il credito residuo all'interno del conto correlato alla carta pre-pagata.

     Come funziona il raggiro? Tramite l'invio di un link ingannevole contenuto all'interno di un semplice SMS tradizionale ricevuto, sarà possibile rubare dati e credenziali. Una volta ottenuti i dati personali di login, questi ultimi poi risulteranno utili per azzerare la moneta virtuale disponibile sul conto,  
    A destare ancor più confusione vi sono il numero “verde” del mittente (800 233 232), solitamente “amico del consumatore”, ed il sito della truffa, in tutto e per tutto identico al sito originale.

    LEGGI ANCHE

    Difenditi dal Phishing, dalle frodi via e-mail e dal furto di dati sensibili. Ecco come fare!!


    Questo genere di raggiri sono oramai all'ordine del giorno e possono davvero ingannare tutti gli utenti, specialmente quello meno esperti. Il consiglio dunque rimane sempre lo stesso; non divulgate MAI i vostri dati sensibili personali se non dopo essere sicuri al 100% del sito dove li state inserendo, nonché eventualmente di ascoltare il consiglio di qualche amico o familiare più competente in materia se nutrite anche un piccolo dubbio. 
    Ricordiamo, inoltre, che è disponibile lo “sportello per la sicurezza degli utenti del web” della Polizia Postale, a cui è possibile segnalare ogni tipo di abuso, truffa o qualsiasi altro genere di reato.

    Nessun commento:

    Posta un commento

    Cerca nel blog