• Breaking News

    18 maggio 2016

    Aumenta la sicurezza del tuo Android con i consigli ufficiali di Google.

    I consigli di Google per migliorare la sicurezza del proprio Android.

    Con la grande quantità di dati personali che quotidianamente vengono caricati in rete (e quindi a disposizione di tutti), la sicurezza informatica gioca un ruolo ormai fondamentale, imprescindibile, nella vita di noi utenti, se poi consideriamo che lo smartphone è sempre più utilizzato per memorizzare al suo interno i nostri dati più sensibili immaginatevi pure il resto.
    Secondo Google per alzare ulteriormente il livello di sicurezza, l'utente gioca un ruolo fondamentale: grazie a piccoli accorgimenti, sempre secondo Big G, si può evitare di incorrere in situazioni sconvenienti. Ecco elencati 4 (piccoli) suggerimenti che possono aiutare sul piano della sicurezza Android:

    1) Utilizzare sempre il Google Play Store.
    Il Google Play Store (da poco aggiornato alla versione 6.2), store ufficiale di Google e delle app Android;l'utente deve sapere che prima di essere pubblicata al suo interno, ogni applicazione, viene analizzata e revisionata più volte in modo da escludere al 100% ogni tipo di rischio o danno per l'utente che la installa sul proprio smartphone. Le applicazioni che si dimostrano "pericolose" vengono immediatamente bloccate ed eliminate grazie ad Android Security Team.

    2) Impostare un codice di sblocco e attivare la Gestione Dispositivi Android.
    Impostare un codice per sbloccare lo smartphone può aiutare a difendere i propri dati personali caricati sul telefono da occhi indiscreti. Se lo smartphone venisse in qualche modo rubato, se abbiamo attivato la Gestione Dispositivi Android, è ancora possibile rintracciare lo smartphone o cancellarne la memoria così da difendere i nostri dati più sensibili.

    3) Assicurarsi che il dispositivo sia crittografato.
    La crittografia è importante perché protegge i dati memorizzati, mantenendoli in forma non leggibile; quindi se il dispositivo viene perso o rubato le informazioni comunque rimangono protette. Sui dispositivi Nexus più recenti, come il Nexus 5X e Nexus 6P, la crittografia è attivata di default.

    4) Gestire le autorizzazioni app.
    Le applicazioni, appena installate, non sono in grado di accedere alle informazioni personali come foto o la posizione del telefono a meno che non venga concesso loro il permesso. Inizialmente Android accettava automaticamente tutte le richieste di applicazioni ma, già dalla versione 6.0 Marshmallow, è possibile gestire i permessi di ogni singola app. Grazie alla gestione dei permessi, tramite le impostazioni app, possiamo impedire, ad esempio, ad una determinata app, la possibilità di visualizzare le nostre foto personali.
    fonte

    Da non Perdere:

    iTV SKY 2: app per guardare la TV sul tuo Android come non l'hai mai vista; Sky, Mediaset Premium, RAI e tanti altri Canali completamente gratis

    Nessun commento:

    Posta un commento

    Cerca nel blog