• Breaking News

    20 maggio 2016

    Android Pay non sarà un normale e semplice sistema di pagamento online, ma un perfetto strumento di uso quotidiano per tutti gli utenti

    Android Pay non vuole essere un normale e semplice sistema di pagamento online.

    Dopo aver annunciato il lancio del nuovo sevizio Android Pay nel Regno Unito, nel corso del Google I/O 2016, con il consueto keynote, Google ha reso pubbliche le diverse e molte novità per il proprio sistema di pagamento elettronico che vuole decisamente crescere e diventare uno strumento di uso quotidiano per tutti gli utenti, partendo dall'accordo con Bank of America che permetterà di utilizzare lo smartphone per prelevare contanti presso alcuni sportelli Bancomat. Esempio questo, che potrebbe presto essere seguito da altri istituti di credito.

    Leggi anche:

    Android; non permettere alle app di accedere ad Internet senza il tuo permesso. Controlla e gestisci il loro accesso a Internet con NetGuard.

    Android Pay potrà inoltre essere usato dagli sviluppatori per fidelizzare i clienti utilizzando un'apposita API, Save to Android Pay, che permetterà di iscriversi ad un programma a punti in maniera molto semplice.
    Google metterà anche a  disposizione nuove API apposite per gli sviluppatori che vorranno integrare Android Pay nelle loro app per facilitare le operazioni di pagamento.
    La società di Mountain View sta inoltre lavorando a stretto contatto con un ristretto numero di banche selezionate per inserire Android Pay direttamente all'interno delle loro applicazioni in modo da incentivarne l'uso. Basterà infatti scaricare l'app della propria banca, configurare il sistema di pagamento di Google ed iniziare ad utilizzarlo. Secondo Google ogni mese si registrano al servizio oltre 500.000 persone, solo negli Stati Uniti, e con l'espansione in altri paesi il sistema potrebbe rivelarsi un enorme successo.
    fonte

    Da non Perdere: 

    Ecco come controllare e monitorizzare ogni singola parte del sistema del tuo Android per averlo sempre performante.

    Nessun commento:

    Posta un commento

    Cerca nel blog