• Breaking News

    21 dicembre 2015

    Cancella tutta la navigazione con un tool gratuito che consente di trovare e analizzare il “celebre” file index.dat.

    Ecco come cancellare veramente tutto, far sparire ogni traccia della nostra navigazione Internet.

    Se vogliamo cancellare a fondo ogni traccia della nostra navigazione per essere sicuri che sguardi indiscreti non possano carpire alcune nostre informazioni personali, dobbiamo seguire questo tutorial.

    Dobbiamo sapere che anche dopo aver cancellato cache e cronologia da Internet Explorer restano comunque nel sistema decine e decine di file, tra cui quelli nominati come Index.dat, nei quali si possono trovare molte informazioni sui nostri comportamenti e abitudini che abbiamo durante nostra navigazione.

    Leggi anche:  Proteggi sempre la tua Privacy su Internet, soprattutto da chi ti ruba i dati personali sui social network.

    Questi file sono usati da Windows per memorizzare sia i cookie sia gli indirizzi dei siti visitati e secondo Microsoft l'esistenza di questi file renderebbe più veloce la navigazione.
    Per stare veramente tranquilli, quindi, dovremo eliminare tutti questi file. 
    Ecco come procedere.
    • I file Index.dat sono, come impostazione predefinita, nascosti, per cui vanno resi visibili: accedere al contenuto di una qualsiasi cartella dal menu Strumenti/Opzioni/Cartella e deselezionare nella scheda Visualizzazione la voce Nascondi i file protetti di Sistema. Selezionare, infine, l'opzione Visualizza cartelle e file nascosti.
    • Adesso, dal menu Start avviare una ricerca di index.dat e verificare il contenuto dei file trovati aprendoli con Blocco note oppure con il programma Index.dat Analyzer, che consente anche di cancellarli.
    • Non potremo invece eliminarli premendo semplicemente Canc sulla tastiera sulla tastiera perché risultano bloccati quando il sistema è in uso.
    Supporto ufficiale fino a Windows Vista
    Index.dat Analyzer pesa pochi MB e il suo download è pressoché immediato: il processo di installazione è semplice e lineare; all’utente viene chiesto solo la cartella di destinazione e pochi attimi dopo il software è installato sul computer.
    Al primo avvio rimaniamo sorpresi ed amareggiati dal fatto che il sistema operativo Windows 7 non sia supportato. L’ultimo sistema operativo supportato è infatti Windows Vista: questo è forse dovuto al fatto che, nonostante il file index.dat continui ad esistere, in passato, e quindi nei sistemi XP/Vista, l’analisi del file era più comune, mentre negli ultimi tempi, complice anche l’esistenza di altri browser web, tale analisi è trascurata.

    Chi vuole utilizzare il tool di analisi anche su Windows 7 può utilizzare il sistema di compatibilità per eseguire il software in modalità Windows XP o Vista.

    Una volta avviato, il programma si presenta all’utente tramite una unica finestra: oltre alla classica barra dei menù, due ampi spazi sono dedicati alla lista delle voci che compongono il file index.dat e, se disponibile, all’anteprima del file.

    Da non Perdere: Impedire il tracciamento Wi-Fi del tuo smartphone Android da parte di sconosciuti.

    Nessun commento:

    Posta un commento

    Cerca nel blog