• Breaking News

    28 giugno 2015

    Ecco come bloccare la pubblicità invasiva e pericolosa su Chrome, senza usare troppe risorse di sistema.

    bloccare pubblicità su Chrome pericolosaublock, estensione per bloccare la pubblicità invasiva e pericolosa per Chrome.
     

    Da non Perdere!

    Nell'elenco delle estensioni indispensabili da attivare su i vari browser web, deve sicuramente trovare posto una buona estensione per bloccare la pubblicità invasiva, molte volte anche pericolosa, che possiamo trovare in Internet. Molte applicazioni nocive, infatti, vengono veicolate con questo metodo e possono facilmente dirottare i browser e rubare dati agli utenti. 

    AdBlock Plus (ABP) è una delle estensioni a tema più utilizzate per tutti i principali browser. 
    Si tratta di un'estensione che blocca le pubblicità online e protegge la privacy dell'utente su Internet. L'unico svantaggio reale di ABP è che utilizza molte risorse di sistema, in particolare per gli utenti che utilizzano questa estensione su Chrome, dove la differenza di prestazioni del sistema si fa sentire anche su PC potenti.

    Leggi anche:  Eliminare la pubblicità dalle app Android con AdFree Android [Download].

    Se si desidera risparmiare risorse di sistema, ma desideriamo comunque installare un buon adblock nel browser Chrome, possiamo provare uBlock.

    uBlock è un programma gratuito sviluppato nella comunità GitHub. L'estensione è compatibile con le ultime versioni di Chrome e di Chromium.

    - Una volta completata l'installazione, vedremo l'icona del programma vicino alla barra delle  URL di Chrome. 

    - Facciamo clic sull'icona, nella finestra che si è aperta,  potremo vedere un grande pulsante di alimentazione, insieme al numero di annunci e script indesiderati bloccati su quella determinata pagina.
    - L'estensione è veloce e utilizza poche risorse di sistema (rispetto ad ABP), come del resto possiamo vedere nel task manager offerto da Google Chrome stesso (Maiusc+Esc).
    - Impressionate è anche la quantità di filtri ed elenchi privacy disponibili nelle opzioni dell'app.

    - Possiamo ovviamente personalizzare i nostri filtri, inserire siti nella whitelist e modificare il comportamento dell'estensione (nascondendo per esempio il numero di ads bloccati nella pagina).
    Da non Perdere: Prestare Attenzione! Ci sono app che aprono App Store e Play Store in automatico senza il consenso dell'utente su iPhone e Android

    Nessun commento:

    Posta un commento

    Cerca nel blog