• Breaking News

    27 ottobre 2014

    Dropbox; 2 GB di spazio in più per condividere film (P2P Mobile), sul tuo Android.

    condivisione file e filmDropbox, ecco come fare per avere 2 GB di spazio in più da dedicare alla condivisione di film (P2P Mobile),  con Android.


    Siamo regolarmente in possesso di un account Dropbox, allora possiamo sfruttare a nostro piacimento tutte le potenzialità che ci offre il servizio cloud di file hosting. 
    Utilizzando un account Dropbox e le applicazioni per PC e Android, possiamo sincronizzare i file scaricati via tTorrent Lite con computer e smartphone oppure condividerli con chi desideriamo. Tutto questo rappresenta una grande comodità da non perdere. 

    Leggi anche:  Ecco come scaricare e guardare migliaia di film da oltre 57 portali video

    Vediamo come fare.
    • Se non abbiamo un account, una volta collegati al servizio  www.dropbox.com  possiamo registrarci gratuitamente. Ci verrà richiesto se vogliamo installare il programma di gestione del servizio Cloud nel Computer. Con questo programma potremo trasferire facilmente i file scaricati su Dropbox, basterà poi copiarli nell'apposita cartella del PC per sincronizzarli automaticamente su altri dispositivi come gli smartphone.
    • Adesso scarichiamo lo stesso programma per Android, quindi colleghiamoci al Google Play e installiamo l'applicazione Dropbox sullo smartphone. 
    • Una volta installata l'applicazione al momento che la avvieremo ed effettueremo il login con l'account registrato su Dropbox, vedremo tutti i nostri file caricati dal computer e potremo utilizzarli direttamente con un tap. Tutti i file presenti nelle singole cartelle del nostro spazio Dropbox sono visualizzati sotto l'etichetta Dropbox.
    • Ogni file scaricato sullo smartphone può essere a sua volta caricato nella nostra cartella Dropbox. Per farlo, una volta eseguita l'applicazione, selezionare l'etichetta Uploads. Da qui, premere su Others files e navigare nelle cartelle del telefono e, una volta individuati i file, cliccare su Upload e attendere la sincronizzazione. Da adesso li troveremo anche dal PC.  
    • Come gestire le cartelle: Public e PhotosMagazine
    • La cartella Public: all'interno di questa cartella possiamo mettere tutti i file da condividere con  chiunque sul Web; qualsiasi cosa copieremo in questa cartella riceverà un link Internet, in modo che chiunque possa scaricarlo direttamente dal browser, anche se non è un utente Dropbox. Ovviamente dovremo essere noi a fornirglielo, per esempio, tramite gli strumenti che l'app ci mette a disposizione.
    • I File Pubblici: tenendo premuto su un file selezioniamo share... si aprirà un menu con tre opzioni: "Share a link" permette di inviare un collegamento al file tramite e-mail, Bluetooth, SMS e cosi via; "Share this File" invierà invece proprio il file vero e proprio (prestare attenzione però alle dimensioni); "Copy link", infine, memorizza il collegamento al file negli appunti, pronto per essere incollato.
    • La cartella Photos; la directory Photos permette di creare delle gallerie d'immagini, sempre visibili da chiunque e in qualsiasi (sempre dopo autorizzazione), semplicemente creando una cartella al suo interno con il nome che desideriamo dare alla nostra Gallery; sarà quindi possibile sfogliare da un qualsiasi browser tutte le foto che ci caricheremo.
    • Creiamo la nostra Galleria; per fare una galleria, creiamo una cartella all'interno di Photos e carichiamoci le immagini. Terminato l'upload andiamo su www.dropbox.com/photos e inseriamo i nostri dati: ci troveremo davanti tutte le gallerie create nel nostro account. Selezionandone una avremo anche a disposizione il link pubblico. 
    • Il resto di Dropbox: tutto il resto dello spazio a nostra disposizione (due gigabyte di base, ma espandibile) costituisce un vero e proprio hard disk personale online: possiamo creare cartelle e caricare file dove vogliamo, in modo da avere sempre a portata di mano, sul nostro computer o smartphone, tutta la musica, i documenti e i dati che ci servono. Anche sotto forma di copia di sicurezza.

    Nessun commento:

    Posta un commento

    Cerca nel blog