• Breaking News

    3 maggio 2014

    Prestare Attenzione! Ci sono app che aprono App Store e Play Store in automatico senza il consenso dell'utente su iPhone e Android

    Attenzione alle app che aprono l'App Store in automatico senza il consenso dell'utente

    E' notizia di queste ore; alcuni banner pubblicitari su siti web ed applicazioni sono in grado di aprire l'App Store senza l'effettivo consenso dell'utente.

    Secondo quanto riportato da TechCrunch e segnalato da centinaia di utenti pare che il problema esista già da diverse settimane e sia stato riscontrato sui propri dispositivi più volte. 
    Capita che visitando alcuni siti web ed applicazioni, l'utente venga automaticamente reindirizzato su App Store o Play Store, a seconda della piattaforma del telefono, per scaricare giochi e altro. Stando  alle fonti questo problema sarebbe causato da alcuni network che gestiscono la pubblicità, colpevoli di non aver bloccato per tempo i banner pubblicitari di natura illegale.

    I banner pubblicitari incriminati promuovono giochi come: Candy Crush, Clash of Clans, Game of War, Zelda Dungeons ecc, mentre tra le applicazioni e i siti colpiti da questo fatto troviamo: AP, NBC, eBay, alcuni blog e anche i siti e le applicazioni del network Spinblog: iPhoneItalia/iPadItalia/SlideToMac.

    I banner colpevoli del redirect automatico hanno colpito sia iOS che Android indistintamente, inoltre parrebbero muoversi per la schermata, rendendo ancora più difficile la loro chiusura o riuscire a bloccarli. 
    E' possibile che Apple possa intervenire per risolvere il problema in questione, ma attualmente non ha reso noti i propri progetti in merito.
    Nota: nonostante la nostra vigilanza, è possibile che i siti web e le applicazioni del network Spinblog - iPhoneItalia, iPadItalia e SlideToMac - siano colpiti da questi banner pubblicitari “illegali”. Speriamo che il problema possa essere risolto quanto prima, ma per il momento non abbiamo purtroppo alcun controllo su queste pubblicità malevole. Ci scusiamo dunque nel caso doveste riscontrare questo comportamento anomalo durante la navigazione.

    Fonte: TechCrunch | Slide to mac

    Nessun commento:

    Posta un commento

    Cerca nel blog