• Breaking News

    29 maggio 2014

    Google blocca tutte le estensioni non presenti nel Chrome Web Store ufficiale.

    Google ha deciso di bloccare tutte le estensioni non presenti nel Chrome Web Store ufficiale.

    Google ha ufficialmente dichiarato guerra alle estensioni che non presenti sul Chrome Web Store.
    Questa nuova strategia, attualmente solo in ambiente Windows, ha come obiettivo garantire un maggior livell di sicurezza sul proprio browser.
    Dalla data di rilascio del comunicato su Chrome per Windows verranno, inoltre, disabilitate molte delle estensioni non ospitate sul Web Store.

    Non è chiaro in base a quali caratteristiche Google deciderà di mantenere il supporto ad alcune estensioni, fra quelle non disponibili sullo store specifico. Le nuova strategia, comunque, non verrà applicata alle estensioni che appartengono ai canali Dev e Canary per Windows, né a qualsiasi canale per Mac, Linux e Chrome OS.

    Nella pagina FAQ si legge:

    Gli utenti possono installare solamente estensioni ospitate su Chrome Web Store, ad eccezione delle installazioni in modalità sviluppatore e con policy Enterprise.
    Le estensioni precedentemente installate, ma non ospitate sul Chrome Web Store, verranno disabilitate, ad eccezione delle installazioni in modalità sviluppatore e con policy Enterprise.
    Google ha annunciato lo scorso novembre che le novità sarebbero state integrate su Chrome 33 nel mese di gennaio. A seguito delle richieste degli sviluppatori, tuttavia, la società ha deciso di prorogare la data al mese di maggio. La modifica nelle politiche è stata operata con Chrome 35, rilasciato alcuni giorni fa.

    Una scelta che potrebbe fare discutere, ma giustificata da motivazioni più che valide secondo Google:

    "Lavoriamo costantemente per mantenere gli utenti di Chrome al sicuro quando navigano su internet, con feature integrate come Safe Browsing, che blocca molti tipi di siti e download malevoli. Nel caso in cui un software malevolo impone cambiamenti nelle impostazioni, abbiamo aggiunto il tasto "Ripristina impostazioni del browser", in modo da ritornare alle condizioni normali. Ma dal momento che i malintenzionati continuano a scoprire nuovi metodi per provocare mal di testa ai nostri utenti, abbiamo preso misure addizionali.
    I malware possono cambiare il modo in cui operano i browser, installando in maniera silente estensioni sul vostro sistema che possono iniettare annunci pubblicitari e monitorare le vostre attività online. Se notate inserti pubblicitari strani, pagine web non funzionanti o navigazione troppo lenta dopo l'installazione di un nuovo software o di un nuovo plugin, potreste essere coinvolti in un attacco.
    Da adesso, per proteggere gli utenti Windows da questo tipo di attacchi, le estensioni possono essere installate solamente se ospitate su Chrome Web Store. Con queste modifiche, le estensioni precedentemente installate potranno disabilitarsi e non potranno essere riabilitate o reinstallate fino a quando non verranno inserite sul Chrome Web Store."

    Google ha anche rimosso dalla Home, dai risultati di ricerca e dalle categorie di Chrome Web Store tutte le app e le estensioni che usano le Netscape Plugin Application Programming Interface (NPAPI). Anche in questo caso l'obiettivo è quello di migliorare la sicurezza, la velocità e la stabilità di Chrome riducendo la complessità del codice di base. Google ha pianificato di annullare permanentemente la pubblicazione di tutte le app ed estensioni basate su NPAPI nel mese di settembre. Le installazioni esistenti continueranno a funzionare, almeno fino a quando Google non rimuoverà del tutto il supporto alle NPAPI.

    Nessun commento:

    Posta un commento

    Cerca nel blog