• Breaking News

    19 maggio 2014

    Android 4.4.3, grossi problemi con i diritti di Root, Chainfire fa testare la SuperSU 1.97 per risolvere

    Diritti di root problematici con Android 4.4.3: Chainfire al lavoro per una soluzione.

    Il noto sviluppatore Chainfire (il creatore di SuperSu), qualche tempo fa aveva fatto una previsione; che le successive versioni di Android avrebbero introdotto pesanti modifiche per la gestione delle app, che richiedono i permessi di root, tali da rendere difficile ogni operazione. Sono passati diversi mesi e tale previsione è diventerà una certezza con l'arrivo della prossima versione di Android 4.4.3.
    Chainfire ha analizzato le modifiche implementate all'ultima versione AOSP, ritenendo che probabilmente verranno introdotte nella prossima release pubblica del sistema operativo.

    Chainfire in pratica conferma l'impossibilità, per SuperSU, di eseguire files allocati "in /data", andando a colpire tutte quelle app basate sul root che estraggono file dalla propria cartella e li eseguono appunto in /data. 
    Per ovviare a questo problema, Chainfire ha adottato delle soluzioni che permettono a SuperSU di sfruttare la memoria RAM o rootfs per l'esecuzione di queste applicazioni, rendendole quindi compatibili con le nuove misure di sicurezza adottate da SELinux.

    Tuttavia i problemi non finiscono qui, dal momento che pare confermata l'adozione di Art come compilatore di default nella prossima versione. Questo però genera problemi causati dalla relativa instabilità di Art e dalle nuove imposizioni di SELinux, arrivando a creare situazioni di crash totale del sistema, con conseguente riavvio nel caso in cui l'applicazione effettui una chiamata non corretta.

    Chainfire sottolinea come questo problema si verifichi esclusivamente con l'utilizzo di applicazioni che richiedono i permessi di root e che nessun crash si verifica con l'utilizzo di normali applicazioni. In fine sembra che PIE (Position Independent Executable), introdotto e supportato da Android 4.1 in poi, sia ora un requisito fondamentale, richiedendo che tutte le app siano linkate staticamente per poter funzionare. Chainfire ha rilasciato una nuova versione di SuperSU, la 1.97, la quale va a risolvere tutti i problemi citati nel suo post.

    Al momento non è possibile ottenere l'ultima versione tramite aggiornamento su Play Store, ma è possibile scaricarla manualmente da XDA, dal momento che il target di riferimento di questo aggiornamento sono gli sviluppatori di applicazioni che lavorano grazie ai permessi di root. Con l'arrivo ormai imminente di Android 4.4.3 vedremo come si evolverà la situazione.
    Via | Fonte | Fonte

    Nessun commento:

    Posta un commento

    Cerca nel blog