• Breaking News

    9 ottobre 2013

    Come salvare un Punto di Ripristino ben preciso da utilizzare in caso di emergenza estrema [Guida]

    Come salvare un Punto di Ripristino ben preciso su tuo Windows.

    Sono molti i casi in cui conviene salvare un punto di ripristino definito (anche molto vecchio), da utilizzare poi in caso di emergenza estrema.  Si questa è una procedura  che non solo è possibile ma anche molto utile.
    Può capitare ad esempio che un punto di ripristino importante (uno di quelli in cui siamo sicuri che il sistema è perfetto e privo di virus) venga cancellato in automatico a favore di punti più recenti creati dal sistema. E' capitato infatti a molti utenti di voler tornare parecchi giorni indietro nel tempo ma di trovare solo punti dove il problema era già presente.
    Vediamo come muoverci con questa guida, con Windows 7 come sistema operativo:
    • Iniziamo la procedura scrivendo Opzioni cartella nella barra di ricerca del menu Start e poi clicchiamo Visualizzazione. Adesso mettiamo il segno di spunta su Visualizza cartelle, file e unità nascosti, mentre invece dovremo toglierlo (il segno di spunta) da Nascondi file protetti di sistema. Confermiamo con OK. 
    • Spostiamoci adesso nella cartella System Volume Information, nell'hard disk/partizione di sistema (di solito C:), clicchiamoci sopra con il tasto destro del mouse, scegliamo Proprietà/Sicurezza, poi Aggiungi e scriviamo il nome del "nostro utente" che usiamo per accedere a Windows. Facciamo clic su Controlla nomi e abilitiamo i permessi necessari per modificare la cartella. 
    • Adesso possiamo accedervi senza nessuna limitazione. quindi Copiamo il file del punto di ripristino da salvare (lo identifichaimo in base alla data) e incolliamolo dove desideriamo (un posto sicuro) sul nostro computer. 
    • Una volta salvato il file, da qui potremo poi riprenderlo e copiarlo nuovamente nella cartella System Volume Information quando ci servirà.

    Nessun commento:

    Posta un commento

    Cerca nel blog